StePius - poesie e interpretazioni a soggetto

Questi testi sono scritti da me. Sono libere interpretazioni, scritture filosofiche, narrazioni e poesie. Piccole pillole di vita a volte inutili, come la vita stessa, a volte belle, come il sogno ci insegna.

=> Il mio libro per bambini: Filastrocche al cellulare <=

30 dicembre 2014

Perso tra gli oroscopi


Mi sono perso tra gli oroscopi
e le stelle sono frecce di San Sebastiano:
ti amo
e mi impressiono di quanto sia poco influente
rispetto al niente che l'astrologo intesse
ma non ho promesse per te,
solo che mi piacerebbe darti
tutto quello che mi resta,
tutto quello che avrò nella testa e nel cuore,
tutto quello che riuscirò a creare
con la carne e con la mente
come se niente fosse già stato,
come se il mondo fosse appena nato:
nella penombra di un prato spunta uno stelo
mentre noi appendiamo nuove luci nel cielo.

26 dicembre 2014

Quasi mattina nel giorno col mio nome


Sono quasi stanco,
il saltimbanco si è rotto
braccia e cuore,
piango minuti
in un lago di ore
e tu te ne stai
dietro al solito vetro
con il tuo metro in mano
a misurare la distanza
mentre un freddo polare
gela la mia inutile speranza
già abbastanza rinsecchita;
è appena bruciata un'altra lampadina,
è quasi mattina
nel giorno col mio nome:
vorrei morire con te accanto
o soltanto viverti un momento
ma tu stai ancora conteggiando
e persino il cristallo diventa cemento.

17 dicembre 2014

Almeno un sorso di te


Dammi almeno un sorso di te,
della tua anima nuda.
Chissà se in quest'ora cruda
la gente spera ancora;
io spillo il latte freddo
delle tre e mezzo di mattina:
farei prima a non dormire nemmeno
e a rimanere qui, coi caloriferi spenti,
in balia delle mie mosse irrequiete,
mentre tu sogni e inventi la mia sete.

08 dicembre 2014

Poco condito


Non so riempire di frasi vuote
questa mia parte di vita:
delle illusioni che l'hanno farcita
ho fatto un falò,
mi ci scalderò durante l'inverno,
fermo sotto un lampione
come una puttana senza nome
su cui alcuni puntano le voglie
mai soddisfatte dalla moglie,
altre il dito
inciso col nome del perfetto marito.
Non ho mai tradito me stesso,
la mia accidia, la mia malinconia,
il mio riso amaro poco condito
o il mito insistente dell'amore per sempre;
ora puoi restare od andare,
io non dirò niente
che possa intralciare questo cielo:
sembra quasi stia per piovere
ma da qualche parte
sta piovendo davvero.