StePius - poesie e interpretazioni a soggetto

Questi testi sono scritti da me. Sono libere interpretazioni, scritture filosofiche, narrazioni e poesie. Piccole pillole di vita a volte inutili, come la vita stessa, a volte belle, come il sogno ci insegna.

=> Il mio libro per bambini: Filastrocche al cellulare <=

10 giugno 2006

Che strano

Che strano,
c’è chi pensa che basti una droga leggera
a realizzare quella chimera
che si chiama libertà.

Che strano,
c’è chi pensa che baciare
qualcuno dello stesso sesso
sia simbolo di progresso.

Che strano,
c’è chi alza il pugno
e tira schiaffi con l’altra mano.

Che strano,
ho visto un marocchino
che insultava un indiano.

Che strano,
ho trovato un prete
che non era cristiano.

Che strano,
dico ti amo
e nemmeno esistiamo.

1 Commenti:

Anonymous Anonimo ha detto...

che strano il mal di mattino
che strano l'ardore
che strano che ti conosco solo un pochino e pur sembri sempre lo stesso ....
Ciao Steus Vate Lombardo

giugno 20, 2006  

Posta un commento

<< Home